8 Log | 8LOG TUTTE LE NOTIZIE DELLA RETE

No tags

ott/14

25

Le complicità in un triangolo al femminile

No tags

E’ stato un giovedì di Europa League piuttosto turbolento per quanto riguarda l’ordine pubblico in tre città europee. In serata, nel “derby della ex Cecoslovacchia”, i tifosi dello Sparta Praga hanno seminato il panico sulle tribune di Bratislava. Dopo aver rotto le barriere di recinzione del loro settore sono entrati in contatto con i sostenitori dello Slovan costringendo la polizia ad intervenire. Dal settore dei sostenitori praghesi sono stati lanciati anche dei fumogeni. Alcuni tifosi cechi, dopo l’intervento delle forze dell’ordine, hanno provato l’invasione di campo per sfuggire alle cariche. L’arbitro ha decretato la sospensione della partita per consentire alla polizia di riportare l’ordine. La partita è ripresa regolarmente dopo quasi quaranta minuti.

A Milano, prima del fischio di inizio di Inter-Saint Etienne, i tifosi hanno creato disordini nella metropolitana e un uomo di 58 anni è rimasto ferito nella fermata di Cadorna. Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, il signore stato colpito al volto da un pezzo di ferro che sarebbe stato lanciato dai tifosi del Saint-Etienne dal finestrino di un treno. Dopo aver generato il panico in piazza Duomo e in tutto il centro cittadino, anche alle porte dello stadio si sono verificati vari tafferugli. In particolare le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa, si sono opposte ai tifosi quando un folto numero di questi ha cercato di eludere i controlli.

In mattinata disordini anche a Lille, in Francia, tra la polizia francese e i sostenitori inglesi dell’Everton, in città per il match di Europa League contro il club transalpino. Nella piazza principale della città decine di inglesi hanno fronteggiato la polizia in assetto antisommossa. Nella notte si erano verificati disordini quando erano venuti a contatto i tifosi delle due squadre: secondo alcune testimonianze i sostenitori d’Oltremanica sarebbero stati aggrediti dagli ultras francesi.

Scontri in Bratislava-Sparta Praga e prima di Lille-Everton

everton fans in lille

Scontri in Bratislava-Sparta Praga e prima di Lille-Everton, disordini dei tifosi del Saint Etienne – Video e Foto é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 04:59 di venerdì 24 ottobre 2014.



No tags

La Fiorentina inanella la terza vittoria consecutiva in Europa League e ipoteca la qualificazione al turno successivo. I viola comandano a punteggio pieno il Gruppo K con nove punti frutto di sette gol segnati e nessuno subito. Distanti tutte le altre formazioni, a cominciare dal Guingamp a quattro punti, dal Paok, appena battuto proprio dalla Fiorentina e rimasto a tre punti e dal fanalino di coda Dinamo Minsk che ha un solo punto (conquistato qualche ora fa contro il Guingamp).

Paok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | Foto

Paok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | FotoPaok Salonicco-Fiorentina 0-1 (Vargas) | Foto

La partita – Montella si affida a Borja Valero a centrocampo, assieme a Kurtic nel ruolo di intermedio. Vargas opera sulla fascia sinistra. Bernardeschi ha sui piedi l’occasione per il vantaggio, ma non sfrutta l’uscita errata di Glykos e il suo pallonetto termina a lato. Poco dopo il giovane attaccante va nuovamente vicino al vantaggio, ma non inquadra la porta da pochi passi. Il Paok perde Skondras per infortunio prima del quarto d’ora, Badelj scalda i guanti di Glykos con un destro da circa 30 metri. Al 38′ i toscani segnano capitalizzando un’azione corale: Borja Valero sere Ilicic, lo sloveno addomestica vede Vargas e gli cede il pallone che il peruviano calcia con precisione per l’1-0.

Nella ripresa i greci abbozzano una reazione, poi Montella inserisce Cuadrado che mette continuamente in difficoltà gli avversari. Il primo sussulto del colombiano è uno scambio con Borja Valero che pesca Vargas sul lato opposto: il tiro del peruviano si stampa sul palo. Nel finale Glykos salva la propria porta su conclusione del solito Cuadrado, poi è Kurtic a sfiorare il raddoppio. Nel finale colpo di testa di Golasa, nessun problema per Tatarusanu.

PAOK-FIORENTINA 0-1 (0-1) | Tabellino

Paok (4-3-3): Glykos; Skondras (11′ pt Kitsiou), Vitor, Katsikas, Rat; Kace, Tziolis, Tzandaris; Salpingidis (36′ st Papadopoulos), Athanasiadis, Pereyra (9′ st Golasa). (Itandje, Spyropoulos, Maduro, Martens). All.: Anastasiadis

Fiorentina (4-3-3): Tatarusanu; Richards, Tomovic, Basanta, Pasqual; Kurtic, Badelj, Valero (22′ st Lazzari); Ilicic (33′ st Marin), Bernardeschi (11′ st Cuadrado), Vargas. (Neto, Alonso, Rodriguez, Aquilani). All.: Montella

Arbitro: Zwayer (GER)
Rete: 38′ pt Vargas
Ammoniti: Vargas, Rat e Kitsiou
Recupero: 2′ e 3′

FBL-EUR-C3-PAOK-FIORENTINA

Paok Salonicco-Fiorentina 0-1 | Highlights Europa League – Video gol (Vargas) é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 04:56 di venerdì 24 ottobre 2014.

No tags

Il Torin sbriga la pratica e balza al primo posto del Girone B di Europa League staccando il Bruges. Non c’è stata mai partita all’Olimpico e il divario tra i granata e la cenerentola del girone è apparso piuttosto ampio. La formazione di Giampiero Ventura avrebbe potuto concludere il match con un risultato più ampio, ma ha sfruttato solo una piccola parte delle occasioni create (e l’arbitro ha annullato un gol regolare ad Amauri per un fuorigioco inesistente). I granata sono attesi tra qualche giorno all’Olimpico di Roma per una sfida sicuramente più complessa, contro la Lazio di Pioli.

La partita – Dopo un minuto Martinez pescato da Maksimovic davanti a Doblas potrebbe già portare il vantaggio il Torino, ma il portiere dei finlandesi compie un miracolo sul suo tiro. Tra il 16′ e il 18 prima Molinaro (tiro sballato da buona posizione) e poi Vives (traversa colpita dalla distanza), vanno vicini al gol. Al 34′ abbaglio del guardalinee della corsia destra: Amauri segna, ma il suo gol viene annullato per fuorigioco. In realtà l’attaccante era in posizione regolare di almeno mezzo metro. Passa un minuto e i padroni di casa trovano il meritato vantaggio: cross da destra di Darmian per Molinaro che dall’altra parte insacca tutto solo.

Torino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | Foto

Torino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | FotoTorino-Hjk Helsinki 2-0 (Molinaro, Amauri) | Foto

Nella ripresa, dopo otto minuti, si fanno finalmente vedere gli ospiti: punizione di Lod , pallone che filtra nella barriera e deviato in angolo da Padelli. Al 58′ raddoppio del Torino: destro secco di Amauri, nulla da fare per Eriksson (subentrato a Doblos nell’intervallo). Il Torino controlla agevolmente il match fino al triplice fischio finale, mentre nell’altra sfida Bruges e Copenaghen pareggiano 1-1 consentendo ai granata di volare al primo posto in classifica.

Torino-Helsinki 2-0 (1-0) | Tabellino

Marcatori: 35′ Molinaro, 58′ Amauri.

Torino (3-5-2): Padelli 6; Maksimovic 6, Jansson 7, Silva 6; Darmian 6.5, Benassi 6 (71′ Nocerino 6), Vives 6.5, El Kaddouri 6, Molinaro 6.5; Amauri 7 (67′ Quagliarella 6), Martinez 6 (77′ Barreto sv). A disp.: Gillet, Bovo, Glik, Sanchez Miño. All. Ventura.

Helsinki (4-4-2): Doblas 6 (46′ Eriksson 6); Sorsa 5.5, Heikkinen 6, Baah 6, Lampi 5.5; Tainio 6 (76′ Vayrynen sv), Annan 5.5; Savage 6, Lod 6, Zeneli 5 (67′ Alho 6); Kandji 5. A disp.: Heikkila, Moren, Perovuo, Bance. All. Lehkosuo.

Arbitro: Stephan Klossner.

Note – Ammoniti: Annan (H), Quagliarella (T), Savage (H), Kandjii (H). Spettatori: 14.759

Torino FC v HJK Helsinki - UEFA Europa League

Torino-Hjk Helsinki 2-0 | Highlights Europa League 2014/2015 – Video gol (Molinaro, Amauri) é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 23:26 di giovedì 23 ottobre 2014.



No tags

20:18 – Inter-Saint Etienne, annunciate le formazioni ufficiali. Mazzarri lancia Carrizo tra i pali, mentre in difesa c’è Andreolli al posto di Ranocchia. Centrocampo inedito con Mbaye e Kuzmanovic titolari; in avanti il solo Icardi supportato da Guarin.

INTER (3-5-1-1): Carrizo; Andreolli, Vidic, Juan Jesus; Mbaye, M’Vila, Kovacic, Kuzmanovic, Dodò; Guarin; Icardi. All: Mazzarri

SAIN ETIENNE (4-2-3-1): Ruffier; Theophile, Sall, Clement, Lemoine; Pogba, Perrin; Tabanou, Diomande, Hamouma; Van Wolfswinkel. All: Galtier

18:10 – Inter-Saint Etienne: i tifosi ospiti bloccano Milano. Attimi di tensione a poche ore dalla sfida di Europa League: un gruppo di tifosi francesi ha fatto esplodere un petardo in un vagone della metropolitana, causando disagi ai viaggiatori. Dopo l’intervento delle forze dell’ordine, la situazione è tornata pian piano alla normalità, ma c’è preoccupazione per questa sera, visto che a San Siro sono attesi circa 10 mila sostenitori francesi. Con i tifosi dell’Inter, infatti, c’è una storica rivalità per via del gemellaggio della curva nerazzurra con il Nizza, club “nemico” del St. Etienne.

Inter-Saint Etienne | I precedenti

12:10 Inter-Saint Etienne, i precedenti nerazzurri con le francesi. Le due squadre non si sono mai incontrate prima in Europa, ma l’Inter è incappata in squadre francesi ben 12 volte allo stadio Meazza: il bilancio è nettamente a favore dei nerazzurri, che hanno vinto 6 volte, perso 3 e pareggiato altrettante. Dato statistico importante è quello relativo all’imbattibilità dell’Inter, che in Europa non subisce gol da 384’, ossia dal gol di Adebayor di Inter-Tottenham del 14 marzo 2013.

Inter-Saint Etienne in diretta

Inter-St. Etienne, 23 ottobre 2014 ore 21.05. Dopo due sconfitte e un pareggio in campionato, l’Inter di Walter Mazzarri cerca la terza vittoria consecutiva in Europa League. I nerazzurri, inseriti nel Girone F, hanno già battuto Qarabag e Dnipro, ma ora si trovano davanti il club più tosto del girone, anche se fin qui non ha conseguito che due pareggi a reti inviolate. L’Inter è sulla carta nettamente favorita, nonostante i francesi abbiano in rosa qualche individualità davvero interessante. Certo l’attenzione dovrà essere massima per evitare gli errori macroscopici visti nel recente passato anche contro avversari nettamente inferiori.

Alla vigilia della gara, nel corso della consueta conferenza stampa, il tecnico dell’Inter, Walter Mazzarri, ha dribblato le polemiche relative alle ultime parole di Massimo Moratti, dichiarando di essere concentrato sulla squadra e nell’immediato sul prossimo impegno di Europa League contro il Saint Etienne:

“La rispettiamo. E’ una squadra che sta facendo un ottimo campionato in Francia, che ormai è molto simile al campionato italiano. E’ una partita per noi stimolante – dice il tecnico toscano – , vogliamo continuare a fare quello dimostrato contro il Napoli dal punto di vista della prestazione”.

Quanto alla formazione, lo stesso Mazzarri ha ammesso che ci sarà rotazione (“non mi piace chiamarlo turnover”), anche se non si è sbilanciato sulla formazione che scenderà in campo alle 21:05. Molto probabile in difesa Andreolli al posto di Ranocchia, mentre a centrocampo ci sarà spazio per il francese M’Vila, fin qui utilizzato molto meno di quanto si immaginava in estate dopo il suo acquisto.

cl1415_inter-stetienne

Inter-St. Etienne | Diretta TV e streaming

La partita tra Inter e Saint Etienne sarà trasmessa in diretta TV da Premium Calcio 1 e Premium Calcio HD 2. Il fischio d’inizio è previsto per le 21.05, ma il collegamento avverrà qualche minuto prima per formazioni ufficiali e approfondimenti tecnici. Al termine della gara, su Premium Calcio le consuete interviste post-partita. In streaming, la terza gara dell’Inter in Europa League, sarà visibile su computer, tablet e smartphone tramite il servizio Premium Play.

Inter-St. Etienne | Probabili formazioni

Inter (3-5-2): Handanovic; Andreolli, Vidic, Juan Jesus; Dodò, Kovacic, Hernanes, M’Vila, Mbaye; Icardi, Palacio.

St.Etienne (4-5-1): Ruffier; Baysse, Pogba, Bayal Sall, Brison; Cohade, Clement, Monnet-Paquet, Gradel, Corgnet; Van Wolfswinkel.

Inter-Saint Etienne 0-0 Finale | Europa League | Poche emozioni a San Siro é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 23:00 di giovedì 23 ottobre 2014.



No tags

Torino-Hjk Helsinki | Formazioni ufficiali

TORINO (3-5-2): Padelli, Maksimovic, Jansson, Silva; Darmian, Benassi, Vives, El Kaddouri, Molinaro; Martinez, Amauri.

HELSINKI (4-2-3-1): Doblas; Heikkinen, Baah, Lampi, Sorsa; Tainio, Annan; Zeneli, Savage, Lod; Kandji.

Nel terzo impegno del girone di Europa League il Torino affronta i finlandesi dell’Hjk Helsinki. Sulla carta è il confronto più semplice per i granata che in campionato hanno vinto l’ultima partita (giocata contro l’Udinese). Gli scandinavi, infatti, occupano l’ultimo posto nella classifica del Gruppo B con cinque gol subiti e nessuno segnato. La formazione di Giampiero Ventura nel torneo continentale è reduce dalla vittoria all’ultimo secondo contro il Copenaghen (rigore trasformato da Quagliarella) e dal pareggio esterno all’esordio, contro il Bruges, mentre i finlandesi hanno perso la prima partita 2-0 in casa del Copenaghen e 3-0 davanti al proprio pubblico, contro il Bruges.

Capitolo formazioni – Per Ventura il dubbio da sciogliere riguarda l’impiego di Martinez (favorito) o di Sanchez Mino dal primo minuto. Padelli in porta, difesa a 3 composta da Maksimovic, Glik e Gaston Silva. A centrocampo spazio a Vives, Benassi ed El Kaddouri, Darmian e Molinaro lungo le corsie esterne. In attacco via libera ad Amauri che agirà più avanzato rispetto a Martinez.

Per l’Helsinki formazione abbastanza coperto con Doblas in porta, Lampi, Baah, Heikkinen e Sorsa a formare la difesa a quattro. Sugli esterni Savage a destra e Perovuo a sinistra, Tainio, Vayrynen interni e Lod più avanzato a supporto dell’unica punta, l’ivoriano Bancè (ex Lokeren, Metalurh Donetsk e Magonza).

Torino-Hjk Helsinki | Probabili formazioni

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Gaston Silva; Darmian, Benassi, Vives, El Kaddouri, Molinaro; Martinez, Amauri. In panchina: Gillet, Jansson, Moretti, Nocerino, Sanchez Mino, Quagliarella, Barreto. Allenatore: Ventura.

I convocati di Ventura
Portieri: Jean Francois Gillet, Daniele Padelli.
Difensori: Cesare Bovo, Matteo Darmian, Kamil Glik, Pontus Jansson, Nikola Maksimovic, Cristian Molinaro, Emiliano Moretti, Gaston Silva.
Centrocampisti: Marco Benassi, Omar El Kaddouri, Antonio Nocerino, Juan Sanchez Miño, Giuseppe Vives.
Attaccanti: Amauri, Vitor Barreto, Josef Martinez, Fabio Quagliarella.

HELSINKI (4-5-1): Doblas; Lampi, Baah, Heikkinen, Sorsa; Savage, Tainio, Vayrynen, Perovuo, Lod; Bance. In panchina: Eriksson, Heikkila, Moren, Annan, Alho, Bance’, Zeneli. Allenatore: Lehkosuo

I convocati di Lehkosuo
Portieri: Doblas, Eriksson
Difensori: Baah, Heikkilä, Heikkinen, Lampi, Moren, Sorsa
Centrocampisti: Väyrynen, Tainio, Annan, Perovuo, Lod
Attaccanti: Savage, Alho, Bancé, Zeneli, Kandji

ARBITRO: Klossner (Svizzera)

Torino-Hjk Helsinki | I precedenti

Il Torino ha vinto entrambe le precedenti partite contro una squadra finlandese senza subire gol: erano gli ottavi di finale di Coppa delle Coppe, nel lontano 1964, quando i granata di Gigi Meroni incontrarono l’Haka Valkeakowski. L’andata in Finlandia terminò 0-1 (marcatura di Albrigi), mentre nella gara di ritorno il Toro vinse 5-0 (Simoni, Hitchens, doppietta di Meroni e Puia). L’HJK ha perso nei quattro precedenti contro squadre italiane senza segnare neppure una rete. In 18 incontri nelle competizioni per club UEFA, solo in un’occasione una squadra finlandese ha battuto un’italiana. 15 i successi delle squadre italiane.

Torino-Hjk Helsinki | Dove vederla in tv e in streaming

La partita si potrà seguire in diretta tv in chiaro su Italia 1 e Italia 1 Hd, per gli abbonati su Premium Calcio e in live streaming per gli abbonati al pacchetto Premium su Premium Play.

Torino-Hjk Helsinki | Il meteo

Cielo sereno a Torino durante le ore della partita e temperatura che oscillerà intorno ai 13 °C.

torino-hjk helsinki

cl1415_torino-hjk

Torino-Hjk Helsinki 2-0 | Risultato finale – I granata balzano al primo posto in classifica é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 22:56 di giovedì 23 ottobre 2014.



No tags

Trasferta amara per il Napoli a Berna, la squadra di Benitez dopo le prime due uscite continentali coincise con entrambi successi cadono per mano dello Young Boys di Uli Forte. I partenopei hanno giocato un primo tempo piuttosto opaco, creando qualche occasione pericolosa disinnescata da Mvogo. Gli svizzeri si rendono invece pericolosi con l’esperto Hoarau che fa le prove del gol. Proprio lui sblocca il risultato in apertura di ripresa, a questo punto Benitez mette in campo tutte le sue stelle per provare a rimettere in piedi la partita, ma in pieno recupero arriva la stoccare del giovane Bertone che sigla il 2-0 che vale tre punti fondamentali nel girone.

I primi quarantacinque minuti non sono particolarmente divertenti. Tra le file del Napoli il più ispirato sembra essere Mertens, le occasioni migliori nascono dai suoi piedi sia quando il belga ci prova direttamente, sia quando prova ad innescare i compagni. È suo il cross per Zapata, il colombiano viene anticipato all’ultimo momento dal Von Bergen, intervento decisivo per l’ex Cesena e Palermo. Sempre Mertens prova a sorprendere Mvogo con un pallonetto dalla lunga distanza, la misura è sbagliata di pochissimo. Lo Young Boys si fa vedere dalle parti di Rafael con l’ex PSG Hoarau, l’attaccante ha un paio di chance ma le sfrutta male, difettando soprattutto nella precisione.

Le cose cambiano in apertura di secondo tempo quando i padroni di casa si portano in vantaggio. Hoarau riceve in area, l’attaccante viene lasciato colpevolmente solo, così ha il tempo di controllare in tutta calma e puntare il palo lontano dove Rafael non può arrivare. Benitez corre ai ripari e un po’ alla volta cala tutti i suoi assi, entrano Hamsik, Callejon e Higuain. Come al solito lo spagnolo è il più vivace e si vede anche annullare un gol per posizione di fuorigioco, giusta la chiamata del guardalinee. Con il Napoli impegnato a produrre il massimo sforzo offensivo, lo Young Boys piazza la stoccata finale: ci pensa Bertone in contropiede, l’Under 21 svizzero non sbaglia di fronte a Rafael e chiude la partita. Il Napoli perde e viene agganciato a quota sei punti dagli svizzeri e dallo Sparta Praga che ha fatto sua la sfida con lo Slovan Bratislava. Nel Gruppo I ci sono due posti per tre squadre, la lotta per la conquista dei sedicesimi è apertissima.

Young Boys – Napoli 2-0 | Il tabellino

FBL-EUR-C3-YOUNGBOYS-NAPOLI

Marcatori: 7′ st Hoarau, 47′ st Bertone

Young Boys (4-2-3-1): Mvogo; Sutter, Von Bergen, Vilotic, Lecjacks; Sanago, Gajic; Steffen, Kubo (26′ st Bertone), Nuzzolo (41′ st Rochat); Hoarau.
A disposizione: Wolfli, Zarate, Nikci, Costanzo, Afum.
Allenatore: Forte.

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Henrique, Albiol, Ghoulam; Inler, Jorginho (30′ st Callejon); De Guzman (39′ st Higuain), Michu (16′ st Hamsik), Mertens; Zapata.
A disposizione: Andujar, David Lopez, Koulibaly, Mesto.
Allenatore: Benitez.

Arbitro: Buquet (Francia).

Young Boys – Napoli 2-0 | La fotogallery

Young Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogalleryYoung Boys - Napoli 2-0 | La fotogallery

Young Boys – Napoli 2-0 | Highlights Europa League | Video gol (Hoarau, Bertone) é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 21:34 di giovedì 23 ottobre 2014.

No tags

Young Boys – Napoli | Formazioni ufficiali

YOUNG BOYS (4-2-3-1): Mvogo; Sutter, Von Bergen, Vilotic, Lecjaks; Gajic, Sanogo; Steffen, Kubo, Nuzzolo; Hoarau.
A disposizione: Wolfli, Rochat, Bertone, Costanzo, Nikci, Afum, Zarate.
Allenatore: Forte.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Henrique, Albiol, Ghoulam; Inler, Jorginho; Mertens, Michi, De Guzman; Zapata.
A disposizione: Andujar, Mesto, Koulibaly, Lopez, Callejon, Hamsik, Higuain.
Allenatore Benitez.

17:00 – In attesa delle formazioni ufficiali ecco le ultime indiscrezioni che giungono da Berna a proposito delle scelte di Benitez. A quanto pare lo spagnolo ha deciso di non rinunciare a Higuain che partirà dunque dal primo minuto, alle sue spalle è sperimentazione pura con un inedito trio formato da De Guzman e Mertens ai lati e Jorginho al centro. Probabilmente sarà in campo dall’inizio anche il capitano della Svizzera Inler, mentre finisce in panchina Maggio a cui viene preferito Henrique, la coppia di centrali sarà quella con Koulibaly e Albiol, mentre sulla sinistra ci sarà regolarmente Ghoulam.

Young Boys – Napoli | Come vederla in streaming e tv

L’Europa League quest’anno viene trasmessa in esclusiva da Mediaset Premium, quindi la visione della sfida dei partenopei in Svizzera è riservata agli abbonati al servizio. La telecronaca in diretta inizierà alle 19,00 sui canali Calcio e Calcio HD (370 e 380), il racconto dell’incontro sarà di Giampaolo Gherarducci con il commento tecnico di Nando Orsi, a bordo campo per interventi e interviste ci sarà Francesca Benvenuti, presente come sempre anche la telecronaca del tifoso di Raffaele Auriemma. Chi vuole seguire la partita in streaming attraverso smartphone, tablet o computer può usare l’app Premium Play.

La presentazione della partita

Il Napoli versione Europa League è totalmente diverso da quello visto fino ad ora in campionato, se la quadra di Benitez arranca in Italia, quando varca i confini nazionali ritrova sicurezza e risultati. La delusione per la mancata partecipazione alla Champions League è stata archiviata in fretta e nei primi due impegni europei gli azzurri sono riusciti a conquistare sei punti, mettendo una seria ipoteca sul passaggio del turno. Attenzione però alla sfida di stasera che nasconde più di qualche insidia, lo Young Boys non è un avversario semplice da affrontare, anche se la sconfitta a Praga sembrerebbe suggerire il contrario. A complicare le cose potrebbe esserci anche il sintetico dello Stade de Suisse, aspetto tecnico messo in evidenza anche da Benitez in conferenza stampa oggi.

L’allenatore spagnolo resta fedele al suo credo e anche in questa occasione si affiderà a un turn over più o meno pesante. Davanti ai giornalisti non si è sbilanciato più di tanto, limitandosi a confermare le assenze per infortunio di Britos, Zuniga e Gargano. Nonostante ciò è possibile avere un’idea di quella che sarà la formazione che scendere in campo domani sera. Higuain resterà in panchina per fare spazio a Zapata, alle spalle del colombiano dovrebbero esserci Hamsik, che in coppa sembra rigenerarsi, De Guzman e Mertens, al belga in campionato spesso viene preferito Insigne. I due di centrocampo saranno molto probabilmente Jorginho e Lopez, ma per un maglia da titolare c’è in corsa anche lo svizzero Inler. Henrique affiancherà Koulibaly al centro della difesa, mentre sulla destra torna Maggio, a sinistra potrebbe giocare Ghoulam anche se restando da vagliare le sue condizioni fisiche.

L’esordiente allenatore dello Young Boys Uli Forte dovrebbe rispondere con uno schieramento speculare, anche per gli svizzeri la coppa è una boccata d’ossigeno rispetto al campionato dove i risultati faticano ad acquistare continuità. Nell’ultimo impegno hanno perso con il Basilea, in una partita in cui non sono mancate le polemiche. Al centro della difesa ci sarà una vecchia conoscenza della Seria A, l’ex di Palermo, Cesena e Genoa Von Bergen che farà coppia con Rochat, sulle fasce Sutter e Lecjaks. A centrocampo vicino alla conferma il giovane Bertone, classe 1994, che farà coppia con Sanogo. Il trio composto da Steffen, Kubo e Nuzzolo, giocatore svizzero di origini napoletane, darà sostegno al francese Hoarau, per lui cinque anni al Paris Saint-Germain prima di approdare in Svizzera via Bordeaux, è lui l’uomo più pericoloso.

Seguiremo la diretta della partita su Blogo a partire dalla 19 con aggiornamenti in tempo reale e immagini dallo Stade de Suisse di Berna.

Young Boys – Napoli | Probabili formazioni

YOUNG BOYS (4-2-3-1): Mvogo; Sutter, Von Bergen, Rochat, Lecjaks; Bertone, Sanogo; Steffen, Kubo, Nuzzolo; Hoarau.
A disposizione: Wolfli, Von Ballmoos, Vilotic, Wuthrich, Costanzo, Nikci, Kajic, Gerndt, Zarate.
Allenatore: Forte.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Henrique, Koulibaly, Ghoulam; Lopez, Jorginho; De Guzman, Hamsik, Mertens; Zapata.
A disposizione: Andujar, Contini, Mesto, Albiol, Inler, Callejon, Insigne, Michu, Higuain.
Allenatore Benitez.

ARBITRO: Buquet (Francia); guardalinee Debart (Francia) e Gringore (Francia), quarto uomo Annonier (Francia); arbitri di porta Fautrel (Francia) e Delerue (Francia).

Young Boys – Napoli | I precedenti

cl1415_youngboys-napoli

Queste due squadre non hanno mai incrociato le loro strade nella loro storia, gli unici precedenti di cui possiamo parlare sono quindi quelli tra club italiani e svizzeri, anche in questo caso però si tratta di eventi quasi unici. I partenopei nella loro storia europea soltanto una volta se la sono vista con una squadra elvetica, era la Coppa Uefa 1989/1990 quando al secondo turno il Napoli affrontò nel doppio confronto il Wettingen. All’andata a Zurigo finì 0-0, al ritorno al San Paolo la squadra italiana riuscì ad imporsi per 2-1, gol di Baroni e Mauro, qualificandosi così al turno successivo. Più recente invece il precedente dello Young Boys con un’italiana, basta infatti tornare indietro di appena due anni quando, sempre in Europa League, gli svizzeri capitarono nello stesso girone dell’Udinese: il bilancio è totalmente a loro favore visto che riuscirono a imporsi in entrambe le sfide, 3-1 a Berna e 3-2 al Friuli.

Young Boys – Napoli 2-0 | Risultato finale | Sconfitta per i partenopei, Hoarau e Bertone affondano Benitez é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 20:54 di giovedì 23 ottobre 2014.



No tags

Non è un momento semplice per la Juventus di Massimiliano Allegri, chiamato ad affrontare le prime difficoltà da tecnico bianconero dopo un inizio di stagione costellato soltanto da vittorie.

Il primo stop patito in Champions League contro l’Atletico Madrid fu subito riscattato con l’importante vittoria in casa nello scontro diretto con la Roma in campionato. Il 3-2 contro i giallorossi del 5 ottobre scorso, però, è tuttora l’ultima vittoria ottenuta dalla Juventus (anche se è corretto ricordare la sosta dovuta alle due partite della Nazionale).

Sabato scorso, infatti, la Juventus ha interrotto la striscia di vittorie in campionato con il pareggio in trasferta contro il Sassuolo, permettendo così alla Roma di riavvicinarsi alla vetta della classifica. Ieri sera, per quanto riguarda la Champions League, invece, i bianconeri si sono complicati la vita in chiave ottavi di finale, rimediando la seconda sconfitta consecutiva, dopo il k.o. con i Colchoneros, contro l’Olympiakos.

Un segnale importante per dissipare i primi malumori nella tifoseria juventina, quindi, si è reso necessario ed è arrivato proprio oggi: dopo la notizia dell’avvenuto accordo tra Paul Pogba e la società bianconera, il rinnovo del contratto sta per essere messo finalmente nero su bianco.

paul pogba 2019

Paul Pogba sarà un calciatore della Juventus fino al 2019 e guadagnerà 4,5 milioni di euro a stagione più bonus. La firma, prevista per oggi, è stata per ora posticipata ma la formalizzazione dell’accordo, che soddisfa sia la società che l’entourage del campione francese, è imminente.

Il nuovo contratto, quindi, oltre a rendere sicuramente felici i tifosi bianconeri, permette alla Juventus (e qui il discorso diventa meno gradevole) di monetizzare al massimo un’eventuale cessione futura di Pogba. Ricordiamo, infatti, che il precedente contratto di Pobga scadeva nel 2016, di conseguenza, la Juventus, senza un rinnovo, avrebbe corso il rischio di svendere uno dei suoi top player.

Nel frattempo, anche Gianluigi Buffon, intervistato da Sky Sport, ha praticamente confermato l’accordo, parlando di ottimo segnale per tutto l’ambiente:

Sicuramente, sarebbe una grande notizia, per noi, per tutto il mondo juventino e mi auguro anche per Paul. Sicuramente, all’esterno, ma anche all’interno, sarebbe un segnale molto importante.

Foto | © Getty Images

Juventus, Paul Pogba firma fino al 2019: il rinnovo del contratto è imminente é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 20:39 di giovedì 23 ottobre 2014.



No tags

Older posts >>

Theme Design by devolux.nh2.me