8 Log | 8LOG TUTTE LE NOTIZIE DELLA RETE

Archive for giugno 2012


Tra ieri ed oggi molti Windows Phone hanno ricevuto l’ultimo aggiornamento rilasciato da Microsoft, ovvero Tango. Altri, invece, stanno ancora aspettando l’aggiornamento che, tra l’altro, su alcuni Samsung blocca la possibilità di eseguire l’Interop-Unlock. Grazie alla seguente guida potrete aggiornare manualmente alla build 7.10.8773.98 qualsiasi Windows Phone (ovviamente si presuppone che abbiate installato l’ultima versione di Mango sul telefono, ovvero la build 8107), e senza perdere l’Interop-Unlock sui Samsung.

Attenzione: se avete già effettuato l’update a Tango, ed  avete effettuato un backup o con WP7 Easy Backup Tool o con Zune, tornate indietro, ed aggiornate con questo metodo, nel caso in cui avete perso la possibilità di effettuare lo sblocco.

  1. Scaricate la cartella compressa dal link in fondo all’articolo ed estraetela.
  2. Entrate nella cartella \Cab Sender Tango\update tool e installate Setup-UpdateWP adatto all’architettura del vostro sistema operativo. Non riceverete alcuna conferma al termine dell’installazione.
  3. Collegate il Windows Phone al computer tramite il cavo USB.
  4. Eseguite il file \Cab Sender Tango\WP7 Update Cab Sender.bat.
  5. Premete S e poi Invio.
  6. Attendete il completamento dell’installazione che può durare anche più di dieci minuti. Non scollegate il Windows Phone fino a che non comparirà la schermata di Start!
Sul Forum di XDA dove è stata pubblicata la guida trovate anche alcuni update OEM (in questo caso non necessari), da installare contemporaneamente agli aggiornamenti già inclusi nella cartella compressa. Semplicemente scaricate i .cab che trovate sul Forum e aggiungeteli a quelli già presenti nella cartella scaricata ed estratta.

Download | Cab Sender Tango

                                                                                    Articolo di Windows Blog Italia


No tags

Grazie al successo in semifinale di Euro 2012 contro la Germania, l’Italia si è qualificata per la Confederation Cup 2013. Questa manifestazione viene organizzata dalla Fifa da 20 anni e vi partecipano la nazionali che hanno vinto i tornei delle sei federazioni (CAF, CONMEBOL, UEFA, AFC, OFC, CONCACAF), oltre ai detentori della Coppa del Mondo ed alla nazione ospitante. La qualificazione dell’Italia è arrivata prima della finale di Euro 2012 e resterà tale indipendentemente dal risultato contro la Spagna.

Gli spagnoli hanno ottenuto il pass nel 2010 in Sudafrica, quando vinsero la Coppa del Mondo, e questo ha permesso agli azzurri di accedere al torneo con la sola conquista della finale dell’europeo. Oltre a Spagna ed Italia, vi parteciperanno il Brasile padrone di casa, il Giappone campione d’Asia, il Messico vincitore della CONCACAF Gold Cup 2011, l’Uruguay che ha vinto la Coppa America 2011 e Tahiti vincitrice della Coppa delle nazioni oceaniane 2012. A queste squadre si aggiungerà anche la nazionale campione d’Africa nel febbraio 2013.

Gli azzurri vantano una sola partecipazione alla competizione, nel 2009 in Sudafrica. L’Italia allora allenata da Marcello Lippi non raccolse molte soddisfazioni chiudendo al terzo posto del girone dietro dietro a Brasile e Stati Uniti che poi persero 3-2 in finale proprio contro i verdeoro. Questo torneo non avrà certo il fascino di Mondiali ed Europei, ma senz’altro sarà utile alla squadra azzurra per sperimentare il clima che vivranno nel Mondiale 2014 in Brasile. Anche la prossima estate, comunque vada a finire la finale di Euro 2012, ci potremo sedere davanti alla Tv per seguire i nostri azzurri.

Le Foto di Italia – Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1

Foto | © TMNews21

L'Italia è in finale di Euro 2012 e parteciperà alla Confederation Cup 2013 é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 03:55 di venerdì 29 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Che serata da incorniciare. Alla vigilia tutti ci speravamo, ma vincere in questo modo era impensabile. La Germania non perdeva da ben 15 gare, e come da tradizione contro l’Italia nelle partite che contano di mondiali ed europei, sono rimasti a bocca asciutta. Straordinaria la partita di Mario Balotelli che finalmente ha offerto una prestazione splendida, anche superiore alle aspettative. Dopo il primo gol l’ex nerazzurro si è anche lasciato andare ad un’esultanza come non gli avevamo mai visto fare in questi anni. Per la seconda rete da vero bomber invece, si è tolto la maglietta mostrando i muscoli in stile Cristiano Ronaldo. Mario è così, prendere o lasciare. (Il video dei gol di Italia – Germania 2-1)

Stasera è stato veramente tutto eccezionale, si fa davvero molta fatica a trovare un difetto a questa Italia. Forse l’unico rimpianto è quello di non aver dilagato nel finale segnando il terzo e magari il quarto gol, che avremmo meritato per il numero di occasioni collezionate. Nei primi minuti abbiamo sofferto l’aggressività dei tedeschi ed in almeno un paio di circostanze Buffon non ha mostrato le sue doti migliori, respingendo malamente un paio di palloni avrebbe potuto tranquillamente bloccare. I due gol di Balotelli hanno tagliato le gambe ad i nostri avversari che evidentemente erano tranquilli di riuscire a confermare i pronostici della vigilia che li vedevano nettamente favoriti.

Dopo il doppio vantaggio è salito in cattedra Andrea Pirlo, non solo per la regia, ma anche in un inedito ruolo di ruba-palloni. Merita solo elogi il quartetto difensivo composto da Balzaretti, Bonucci, Barzagli e Chiellini che ha saputo gestire con grande sangue freddo anche i momenti più caldi delle partita. Ottima la prova di Cassano che ha servito un pallone d’oro a Balotelli per il primo gol e che si è mosso tantissimo sulla trequarti offensiva non concedendo punti di riferimento alla difesa tedesca. Se l’Italia riuscirà ripetere la stessa prestazione anche contro la Spagna avrà ottime chance di laurearsi campione. Non saremo partiti come favoriti in questo torneo, ma siamo comunque arrivati in finale con merito giocando un gran calcio.

Le Foto di Italia – Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1

Tabellino e Pagelle

RETI: 20′ e 34′ Balotelli, 91′ Ozil (rig)

ITALIA: (4-3-1-2) Buffon 7, Balzaretti 7, Barzagli 7.5, Bonucci 7.5, Chiellini 7-, Marchisio 7, Pirlo 8, De Rossi 7, Montolivo 7- (17′st Thiago Motta 6.5), Cassano 7 (12′ st Diamanti 6.5), Balotelli 8.5 (25′ st Di Natale 6). CT Prandelli 8

GERMANIA: ( 4-2-3-1) Neuer 6.5, Boateng 5.5 (26′ st Muller), Hummels 5, Badstuber 5, Lahm 6-, Khedira 6.5, Schweinsteiger 5, Kroos 6, Ozil 5.5, Podolski 5 (1′ st Reus 5.5), Gomez 5 (1′st Klose 5) CT: Loew 5

ARBITRO: Stephane Lannoy

AMMONITI: Balotelli, Bonucci, De Rossi, Hummels

Euro 2012, Italia – Germania 2-1: le pagelle é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 03:18 di venerdì 29 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Highlights Italia – Germania 2-1 | Video Gol Euro 2012

28 Giugno 2012 – Una serata da ricordare a lungo. L’Italia ha battuto 2-1 la Germania e si è qualificata per la finale di Euro 2012 nella quale affronterà la Spagna. Gli azzurri hanno anche confermato le statistiche storiche; in otto confronti con la Germania tra Mondiali ed Europeo abbiamo vinto 5 volte e pareggiato 3. Neanche un successo per i tedeschi in tutta la storia delle due federazioni. L’uomo in più degli azzurri è stato senza dubbio Mario Balotelli che ha realizzato una doppietta da urlo nei primi 35 minuti, spostando l’inerzia dell’incontro dalla nostra parte.

Straordinario il secondo gol di Balotelli, da vero bomber. Dopo aver subito il doppio vantaggio azzurro, i tedeschi si sono scoraggiati molto senza però smettere di attaccare alla ricerca di un gol. Con la qualificazione ormai in tasca, la difesa di Prandelli ha giocato una partita splendida chiudendo tutti gli spazi agli avversari. Dove non sono arrivato Balzaretti, Barzagli, Bonucci e Chiellini, si è fatto trovare pronto Buffon dopo due indecisioni nei primi minuti che potevano costare care. Löw nell’intervallo si è giocato due cambi, sostituendo Gomez e Podolski per Reus e Klose.

Nonostante i cambi i tedeschi sono parsi comunque piuttosto sterili in attacco. Quando il Ct tedesco ha mandato in campo anche Muller al posto di Boateng, l’Italia ha trovato maggiori spazi in avanti sprecando per almeno 4-5 volte l’occasione di segnare il gol della definitiva tranquillità. Solo al 91′ minuto un fallo di mano di Thiago Motta in area di rigore ha permesso ad Ozil di accorciare le distanze segnando la rete del 2-1. Adesso però non dobbiamo fermarci. La Spagna contro il Portogallo ha faticato tantissimo, come anche contro di noi nel girone. Questa Italia deve crederci. Vincere è possibile.

Le Foto di Italia – Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1

Il Tabellino

RETI: 20′ e 34′ Balotelli, 91′ Ozil (rig)

GERMANIA: ( 4-2-3-1) Neuer, Boateng (26′ st Muller), Hummels, Badstuber, Lahm, Khedira, Schweinsteiger, Kroos, Ozil, Podolski (1′ st Reus), Gomez (1′st Klose) CT: Loew

ITALIA: (4-3-1-2) Buffon, Balzaretti, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Marchisio, Pirlo, De Rossi, Montolivo (17′st Thiago Motta), Cassano (12′ st Diamanti), Balotelli (25′ st Di Natale). CT Prandelli

ARBITRO: Stephane Lannoy

AMMONITI: Balotelli, Bonucci, De Rossi, Hummels

Le Foto di Italia – Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1

Highlights Italia – Germania 2-1 | Video Gol Euro 2012 é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 02:24 di venerdì 29 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Siamo in finale, ci siamo appellati ai numeri, alla scaramanzia, ma la verità è che in pochi credevano che contro la solita favoritissima Germania l’avremmo spuntata. E invece siamo qui a raccontare l’ennesima nottata da ricordare tinta d’azzurro. Quello che però nessuno avrebbe immaginato era che la squadra di Prandelli avrebbe dominato la partita, l’Italia ha vinto meritando, senza difendersi, divertendosi e facendo divertire i tanti tifosi sparsi per le piazze di tutta la penisola. Peccato per il gol preso alla fine, su rigore, l’unico neo di questa serata, ma a questo punto è giusto pretendere il massimo.

Il ct non ha cambiato il modulo, fiducia alla difesa a quattro e fiducia alla coppia formata da Balotelli e Cassano. I primi minuti danno ragione al tecnico, la squadra è compatta e non da respiro all’avversario. Certo le ripartenze dei tedeschi mettono i brividi, Kroos scalda i guantoni di Buffon,Barzagli sfiora l’autogol, poi arriva il gol più atteso, quello di Mario Balotelli che sfrutta al meglio una pennellata di Cassano prende il tempo a Badstuber e di testa mette dentro la palla dell’1-0.

Le Foto di Italia – Germania 2-1

Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1Le Foto di Italia - Germania 2-1

La reazione dei ragazzi di Loew non si lascia attendere, il problema è che Super Mario ha ancora fame. L’attaccante del City non si lascia pregare, raccoglie il lancio di Montolivo, guarda negli occhi Neuer e lo punisce con un destro potente all’incrocio dei pali. Sembra fatta, l’Italia è avanti di due gol a fine primo tempo e la Germania sembra aver subito il colpo. Il secondo tempo passa senza troppi scossoni, questa è la vera sorpresa. Il rigore finale, trasformato da Ozil ha reso più emozionanti gli ultimi minuti, ma mai si è dubitato della vittoria e della sua legittimità.

Ora è tempo di riavvolgere il nastro, domenica c’è di nuovo la Spagna, si finisce da dove si è cominciato. È una finale e tutto può succedere ma questa Italia ha dimostrato di poter imporre il proprio credo contro chiunque. Guai a credere che l’Europeo sia già ormai conquistato, ma quello che si è visto fino ad oggi non può che farci ben sperare. Come ha detto Buffon, occhio a rilassarsi prima del traguardo, bisogna correre fino alla fine. Parafrasando Pirlo, siamo arrivati a Roma, adesso sarebbe un peccato non vedere il Papa.

Foto | © TMNews

L'Italia più bella conquista contro la Germania la finale meno attesa é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 02:16 di venerdì 29 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

E’ l’Italia di Mario Balotelli. Finalmente il giovane attaccante ha ripagato la fiducia di un’intera nazione che spera in lui per il presente ed il futuro azzurro. Dopo una prestazione sottotono con l’Inghilterra, Mario ha trovato la forza per rispondere alle critiche e trascinare l’Italia in finale. E’ stato senz’altro lui l’uomo in più di questa squadra che ha saputo capitalizzare al meglio le occasioni costruite nel primo tempo. Quando è uscito a metà del secondo tempo l’Italia ha sprecato almeno 4-5 occasioni validissime per dilagare, facendoci soffrire nei minuti di recupero dopo il rigore realizzato da Ozil.

Grazie a questi due gol, Balotelli ha raggiunto Cassano in testa alla classifica di tutti i tempi dei bomber italiani negli Europei. La classifica non era certamente difficile da scalare visto che fantantonio era primo da solo con 3 gol, ma è significativo che il numero nove azzurro sia riuscito a diventare il migliore di sempre in questo torneo dopo una sola partecipazione. Vanno fatti i complimenti anche a Cesare Prandelli che l’ha convocato dopo una stagione piena di alti e bassi, e poi l’ha coccolato aspettando una serata speciale. Adesso siamo in finale, e grazie a Mario abbiamo meno paura della Spagna campione del Mondo e d’Europa in carica.

Foto – Balotelli mostra i muscoli alla Germania

Foto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla Germania

Foto – Balotelli mostra i muscoli alla Germania

Foto - Balotelli mostra i muscoli alla Germania

Foto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla GermaniaFoto - Balotelli mostra i muscoli alla Germania

Foto | © TMNews21

L'Italia di Balotelli stende la Germania, siamo in finale! é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 01:31 di venerdì 29 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Trattativa nata a febbraio e subito decollata, ora le tre parti sono ai dettagli: il Napoli ha ormai deciso di fare a meno di Ezequiel Lavezzi dopo cinque anni di felice matrimonio, al club partenopeo più di 30 milioni per la cessione del Pocho al Paris Saint Germain più un’amichevole estiva al San Paolo proprio contro i parigini, all’attaccante argentino contratto di cinque anni a cinque milioni netti a stagione. Queste cifre hanno fatto tutti contenti, tutti tranne i tifosi del Napoli che hanno assistito impotenti alla dipartita del loro idolo senza poter metter becco; e un po’ dispiace anche per il campionato italiano che perde l’ennesimo fuoriclasse attratto dai ricchi contratti dei club esteri.

Tant’è, domenica Lavezzi dovrebbe essere a Parigi per prendere contatto con la città e lunedì dovrebbe sostenere le visite mediche; se tutto andrà bene come preventivabile, il Pocho apporrà la sua firma sul lauto contratto quinquennale di cui sopra e potrà essere presentato alla stampa francese. Prima però scriverà una lettera ai suoi ex tifosi del Napoli tramite il suo sito ufficiale per spiegare i motivi dell’addio, anche se l’intervista rilasciata pochi giorni fa a Il Mattino è stata abbastanza esplicativa:

“Di Napoli porto nel cuore lo straordinario affetto della gente, a volte, consentitemelo, eccessivo ma che rende la città particolare. Il Napoli mi ha lanciato e mi ha dato grande visibilità a livello internazionale. I francesi vogliono anche Cavani? Non saprei ma so che Edi si trova molto bene a Napoli. Confronto tra Parigi e la città partenopea? Per ora so solo che lì non c’è il mare ma c’è un fiume, la Senna… Sono due città completamente differenti: Napoli è una città di mare, Parigi è una città più interna dove ci sono tante attrazioni e dove, immagino, potrei godere di più della mia privacy. Ora vi saluto. Au revoir, ciao”.

E a Radio Crc l’agente del Pocho Alejandro Mazzoni ha aggiunto:

“Le lacrime di Lavezzi dopo la vittoria della coppa Italia? Nel momento giusto il Pocho parlerà e dirà tutto ciò che pensa perché lo ha sempre fatto e perché è molto legato a questa città. La vita è imprevedibile e posso dire che Lavezzi e il Psg sono molto vicini. L’unica cosa vera è che i club sono molto vicini, stanno definendo gli ultimi dettagli. L’interesse del Pocho è quello di parlare ai tifosi azzurri. Sapeva che avrebbe potuto cambiare squadra, fa parte del gioco del calcio, ma lasciare con una vittoria è sempre bello. È grazie al Napoli che ora il Pocho è diventato un top player”.

Foto | © TMNews

Lavezzi, au revoir Napoli: lunedì la firma col Paris Saint Germain é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 21:22 di giovedì 28 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Non sembravano esserci dubbi sulla presenza di David Beckham alle Olimpiadi di Londra, il centrocampista ha fatto anche da tedoforo ed è stato uno dei più impegnati a sostenere la candidatura della capitale inglese negli scorsi anni, all’ultimo momento però Stuart Pearce ha deciso di fare a meno di lui. Il regolamento prevede l’inserimento di tre calciatori di età superiore ai 23 anni, sicuri di avere un posto fin dall’inizio erano Ryan Giggs e Craig Bellamy, il terzo posto sembrava potesse essere occupato dalla stella dei Los Angeles Galaxy.

Il selezionatore della Gran Bretagna è volato anche in California per accertarsi dello stato di forma dello Spice Boy, all’ultimo momento però sono prevalse le ragioni tattiche: c’era bisogno di un difensore e così Pearce ha scelto Micah Richards, sarà lui a completare la rosa di 18 elementi. David Beckham ovviamente ci sperava e non nasconde la sua delusione, ma assicura che tiferà assolutamente per questa inedita nazionale britannica e si augura che alla fine possa arrivare alla medaglia d’oro:

“Tutti sanno quanto giocare per il mio paese sia sempre stato importante per me. Quindi sarei stato onorato di far parte di questa nazionale britannica. Ovviamente sono molto dispiaciuto, ma non ci sarà nessun tifoso più appassionato di me e, come tutti, spero che riescano a vincere l’oro. Da londinese sono molto orgoglioso di aver fatto la mia piccola parte per portare le Olimpiadi a Londra e non vedo l’ora che questi giochi comincino per godermi ogni singolo momento con il resto della Gran Bretagna”

Sfumata l’occasione olimpica, Beckham a 37 anni può dire conclusa la sua esperienza da giocatore della nazionale: la sua ultima esperienza con la maglia dell’Inghilterra risale al 2009 e Londra 2012 sarebbe stato il coronamento di una carriera assolutamente eccezionale. La Gran Bretagna proverà a fare bene anche senza di lui, in compenso c’è un altro fuoriclasse del calibro di Giggs, sulla sua strada verso l’oro troverà come primi ostacoli l’Uruguay, il Senegal e gli Emirati Arabi Uniti.

Foto | © TMNews

Beckham dice addio al sogno olimpico, non è tra i convocati della Gran Bratagna é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 20:30 di giovedì 28 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

Dopo sei anni è di nuovo Italia – Germania, ancora una volta in palio c’è la finalissima. Era il 4 luglio 2006 quando gli Azzurri sconfissero 2-0 i padroni di casa tedeschi nei tempi supplementari, staccando così il biglietto per Berlino dove ad attenderli c’era la Francia, sappiamo com’è finita. Uno dei protagonisti di quella notte magica fu Alessandro Del Piero, lo juventino, autore del secondo gol, ricorda oggi le emozioni di quella partita sulle pagine del suo sito ufficiale.

Lo fa partendo da lontano, dal sogno di vestire la maglia della nazionale fin da quando era solo un bambino, anche allora quando chiudeva gli occhi per immaginare, l’avversario era sempre lo stesso, la Germania. Poi è cresciuto ma i sogni sono rimasti sempre, gli stessi, vestire l’azzurro e battere l’avversario di sempre:

“Italia-Germania è la partita, è come un derby. Quando chiudi gli occhi e sogni di diventare grande e vestire la maglia azzurra, di cantare l’inno, di segnare un gol ai Mondiali, di alzare la Coppa… L’avversario è sempre la Germania. Ero bambino ed esultai, trent’anni fa, nella notte del Bernabeu: Rossi, Tardelli, Altobelli, campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo. Ero un bambino che realizzava i suoi sogni, sei anni fa, nella notte di Dormund, quando battemmo la Germania all’ultimo minuto dei supplementari, con il gol di Grosso, e con il mio. Così andammo in finale a prenderci la Coppa. Campioni del mondo anche noi”.

Adesso Del Piero le partite degli le segue da lontano, come un tifoso qualunque, davanti alla tv in compagnia della sua famiglia. Non dimentica però le sensazioni che si provano in occasione di un appuntamento così importante, per questo tiferà Italia così come lo faranno milioni di italiani, con un pensiero speciale per quei compagni che sei anni fa erano con lui in campo a festeggiare l’impresa appena realizzata:

“Sempre Italia-Germania. Indimenticabile. E ora c’è un nuovo capitolo di storia da scrivere. Chi ha indossato la maglia della Nazionale, chi ha provato quelle emozioni, non può che essere parte per sempre di quell’emozione azzurra, che ci unirà tutti stasera.
In bocca al lupo a voi che il 4 luglio 2006 c’eravate, Andrea, Gigi, Daniele, Andrea, in bocca al lupo a tutti. Stasera tiferò per voi.
Forza Azzurri!”.

Manca poco ancora e poi l’attesa sarà finita, i tedeschi ci aspettano forti dei favori dei pronostici, in fondo però ci temono perché, come sei anni fa, quando ci incontrano spesso siamo noi a gioire. Stasera proveremo a regalargli l’ennesimo dispiacere, sperando di rivivere quelle emozioni forti che fecero da preludio alla coppa più bella.

Foto | © TMNews

Italia – Germania vista dal Del Piero, sei anni dopo la magica notte di Dortmund é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 16:12 di giovedì 28 giugno 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


No tags

giu/12

29

Quel ragazzo è entrato nella storia

Quel ragazzo a petto nudo che mostra i muscoli al mondo dopo aver tirato una staffilata sotto l’incrocio dei pali è l’incarnazione della storia che, ancora una volta, si è ripetuta. Il calcio è strano, il calcio ha delle leggi non scritte che vengono regolarmente rispettate. Una di queste è che l’Italia quando conta batte sempre la Germania. Ieri quindi non ha stupito vedere una bella ragazza tedesca con le lacrime agli occhi già al

No tags

Older posts >>

Theme Design by devolux.nh2.me